Bonus asilo nido 2022

Il Bonus Asilo nido resta anche per il 2022:

il sussidio non è stato sostituito dall’Assegno Unico (come ad esempio succede al Bonus Bebè) e si potrà chiedere con le stesse regole e procedure di domanda dello scorso anno. L’INPS ha confermato anche (sulla pagina Facebook dedicata alle misure per famiglie) che nei prossimi giorni sarà pubblicato il Messaggio attuativo.

 

Il contributo spetta ai genitori di figli nati, adottati o affidati dal 1° gennaio 2016, con importo variabile:

  • 3mila euro annui per chi ha un ISEE fino a 25mila euro,
  • 2.500 con ISEE da 25mila a 40mila euro,
  • 1.500 euro (136,37 euro mensili) oltre tale soglia.

Si applica la prestazione minima in assenza di DSU in corso di validità che attesti l’ISEE.

Le domande possono essere presentate attraverso il sito web dell’INPS utilizzando il servizio dedicato oppure rivolgendosi gratuitamente ai patronati. Una volta inoltrata la richiesta, è anche possibile seguirne lo stato di lavorazione, accedendo ai servizi online INPS.

I beneficiari possono accedere ad un bonus riservato al pagamento delle spese per l’asilo nido pubblico o privato bonus erogato mensilmente oppure ad un sussidio economico per pagare un supporto, presso la propria abitazione (bonus erogato una tantum), destinato a bambini affetti da gravi patologie al di sotto dei tre anni di età. Nella domanda bisogna indicare a quale dei due benefici si richiede l’accesso. 

La domanda di contributo per le rette del nido deve essere presentata dal genitore che sostiene la spesa, che deve indicare le mensilità di frequenza scolastica, tra gennaio e dicembre 2021, per le quali si richiede il beneficio. Le ricevute delle rette devono essere allegate entro la fine del mese di riferimento, comunque non oltre il 1° aprile.

La domanda di contributo del bonus per forme di supporto domiciliare deve essere presentata dal genitore convivente, accompagnata da un’attestazione del pediatra che dichiari per l’intero anno l’impossibilità a frequentare asili nido per grave patologia cronica. L’INPS ha realizzato anche un video tutorial con le informazioni necessarie e la descrizione delle fasi per la presentazione della domanda.

 

Articoli Correlati

Guerra neurotecnologica, ha già avuto inizio?

Guerra neurotecnologica, ha già avuto inizio?

Altri quattro diplomatici statunitensi che lavorano a Ginevra e Parigi si sono ammalati di una sospetta patologia neurologica nota come Sindrome dell'Avana che potrebbe essere causata dall’utilizzo intenzionale di nuove armi militari basate sulle neurotecnologie. La...

leggi tutto

0 commenti

error: Contenuto di proprietà della Federazione Lavoratori Militari - FLM.
Share This